Ersamus plus

E’ fattibile per un DSA partire in Erasmus? Questa è la domanda che ci si pone più di frequente e si teme molto la partenza.

L’erasmus è sicuramente impegnativo per un DSA per il discorso lingua ma è utilissimo e direi quasi fondamentale! Ma ovviamente non è semplice e per ora le nostre università non aiutano molto nella partenza, pertanto ci pensiamo noi!
Qui di seguito vi daremo un po’ di pratici suggerimenti su come uscirne vivi delle pratiche Erasmus e sulle esperienze di chi l’ha già fatto. Vi ricordiamo che per qualsiasi cosa potete scriverci alla mail: info@pillolediparole.it

PRIMA DI PARTIRE:

  1. Decidere di partire conviene farlo subito in modo da studiare prima che esami poter dare in Erasmus e non rischiare di avere problemi nella conversione.
  2. La lingua: va preparata da molto prima di partire cercando di fare listening (magari anche semplicemente guardando film) e se avete modo magari anche parlare.
  3. L’esame di lingua è vostro diritto farlo con il tempo aggiuntivo e con la dovuta tranquillità, pertanto presentate il vostro certificato con il dovuto anticipo per ottenere ciò che vi spetta di diritto.
  4. Learning Agreement: se verrete scelti dovrete compilare questo foglio malefico con tutti gli esami che dovete dare in Erasmus e che poi verranno convertiti in Italia. Scrivete ai vostri referenti Erasmus e chiedete anche le virgole perché sbagliare quello vuol dire dare esami inutilmente. Nella scelta siate molto realistici e tenete presente della difficoltà della lingua.
  5. Borsa di studio: teoricamente esiste una borsa di studio extra anche per gli studenti con DSA che però viene erogata, anche giustamente, solo se i soldi stanziati per i ragazzi con disabilità non sono finiti. La domanda è la stessa della disabilità, cosamolto criticabile, e spesso i vostri interlocutori non sapranno come aiutarvi. Vale però la pena tentare.
  6. Certificato: fatevelo tradurre in inglese in modo che sia possibile mostrarlo ai vostri docenti quando arrivate nel paese che vi ospita. QUESTO PUNTO E’ FONDAMENTALE.
  7. Quando inviate la documentazione relativa all’erasmus, inviate anche il certificato tradotto.

UNA VOLTA IN ERASMUS:

1 Vi sconsigliamo di frequentare Italiani

2 Non partite senza post it di colori diversi che vi aiutino a memorizzare le parole nuove. Una buona soluzione puo’ essere dividersi le pareti a seconda che le parole in questione siano nomi, verbi, avverbi ecc.ecc.

3 Cercate una sistemazione tranquilla che vi permetta di studiare agevolmente, non scordate che le difficoltà permangono

4 uscite molto, soprattutto per fare conversazione, questo vi permetterà di migliorare moltissimo e vedere i risultati da una settimana all’altra.

5 Non mollate se le prime lezioni appaiono difficili! E’ tutto assolutamente normale!

6 Senza vergogna mostrate il vostro certificato ai docenti ed accordatevi per gli esami.

 

Enjoy your Erasmus!

If you are an incoming Erasmus student

and you need same information about dyslexia and italian university,

please don’t exitate to write us!

Our mail is info@pillolediparole.it and mobile phone contact is 00393922859355

Walcome to Italy!